Bando Voucher Digitali I4.0 2021



Micro, piccole e medie imprese
nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Reggio Emilia o di Bologna potranno beneficiare, presentando domanda rispettivamente entro l’1/07/2021 e il 15/07/2021, di finanziamenti a fondo perduto (voucher) a disposizione per progetti di innovazione tecnologica.

Cosa può essere finanziato?

Grazie al nuovo sostegno alle imprese saranno diversi gli ambiti di intervento in cui sarà possibile muoversi, al fine di sviluppare nuovi progetti mirati all’introduzione di modelli di business 4.0:

  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc)Grazie allo stretto contatto con le PMI del territorio, abbiamo potuto constatare i benefici pratici di soluzioni come gestionali ERP, in grado di avvantaggiare le imprese proponendosi come soluzione integrata per tutte le aree aziendali:
  • amministrazione, controllo di gestione e tesoreria;
    area commerciale e vendite;
    magazzino, pianificazione dei materiali e logistica, grazie ad app come Luigi, assistente di magazzino per la gestione di inventario, flussi in entrata e uscita e analisi delle scorte, funzionante anche offline;
    – produzione MRPe controllo avanzamento MES;
    mobile appscome Scarlett, il sistema per la digitalizzazione dei rapportini d’intervento, e applicazioni web per chi opera in mobilità; o Horace, servizio di time-tracking che permette di tracciare, con semplicità e rapidità, come un team spende il tempo sulle diverse attività.
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • blockchain;
  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • sistemi di e-commerce, compresi sistemi di pagamento mobile e/o via internet (sistemi di e-commerce, la loro realizzazione, l’implementazione, l’integrazione, il rifacimento – andrà indicato il sito a cui si riferiscono le spese per cui viene richiesto il contributo);
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro (es. piattaforme per il lavoro a distanza; app; sostituzione/acquisto di attrezzature per consentire il lavoro da remoto. È escluso dalle spese ammissibili l’acquisto di smartphones e tablet);
  •  soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19, comprese soluzioni tecnologiche per il posizionamento strategico commerciale dell’impresa sui canali digitali (es: sistemi di prenotazione online; strumentazioni e servizi per la connettività; modem e router Wi-fi; switch, ecc. Non sono ammissibili canoni per spese ordinarie di connettività, telefono, ADSL, fibra);
  •  sistemi fintech;
  •  sistemi EDI, electronic data interchange;
  •  tecnologie per l’in-store customer experience;
  •  system integration applicata all’automazione dei processi;
  •  tecnologie della Next Production Revolution (NPR).

A quanto ammonta il finanziamento?

L’entità dell’agevolazione predisposta per le aziende della provincia di Reggio Emilia è pari al 50% dei costi sostenuti al netto di IVA a fondo perduto, dove è previsto un tetto massimo di Euro 7.000, su un importo minimo di investimento pari a Euro 3.000.

A fronte del finanziamento, le spese ammissibili devono essere sostenute a partire dal 15/06/2021 e fino al 30/04/2022 (data fattura e data pagamento).

Per le imprese della Provincia di Bologna, nonostante resti invariata l’entità dell’agevolazione (50% al netto dell’IVA a FONDO PERDUTO), il tetto massimo erogabile è di Euro 10.000, a fronte di un importo di investimento minimo di Euro 5’000.

Sono escluse dal presentare domanda le aziende che hanno già ricevuto il Voucher Digitale 2020.

Altre voci di spesa ammissibili

Tra gli investimenti ammissibili, ricordiamo:

  • i servizi di consulenza e/o formazione, relativi a una o più tecnologie tra quelle previste all’art. 2, del presente bando;
  • l’acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali;
  • le spese per l’abbattimento degli oneri di qualunque natura relativi a finanziamenti, anche bancari, per la realizzazione di progetti di innovazione digitale. Tali spese non possono superare il limite del 10% del costo totale del progetto finanziato.

I fornitori dei sopracitati servizi di consulenza, che dovranno necessariamente produrre autocertificazione, devono essere:

  • competence center come parchi scientifici e tecnologici, centri di ricerca e trasferimento tecnologico, centri per l’innovazione, Tecnopoli, cluster tecnologici. Necessariamente accreditati o riconosciuti da normative o atti amministrativi regionali o nazionali;
  • incubatori certificati e incubatori regionali accreditati;
  • FABLAB, definiti come centri attrezzati per la fabbricazione digitale;
  • centri di trasferimento tecnologico su tematiche Industria 4.0;
  • start-up innovative;
  • Innovation Manager iscritti nell’albo dal Ministero dello Sviluppo Economico e/o dall’elenco dei manager tenuto da Unioncamere (tra cui i nostri 7 Innovation Manager);
  • ulteriori fornitori a condizione che essi abbiano realizzato nell’ultimo triennio almeno tre attività per servizi di consulenza alle imprese nell’ambito delle tecnologie.

Le domande, che saranno valutate in ordine cronologico di arrivo (click day), devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale del legale rappresentante dell’impresa, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema WebTelemaco di Infocamere Servizi e-gov.

    Contattaci